Titolo H1 Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril. Titolo H2 Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546

Quasi la metà dei pazienti con glaucoma non segue la terapia

L’aderenza alle terapie da parte dei pazienti è probabilmente una problematica che accumuna diverse specialità, ma in oculistica il problema è sicuramente di proporzione decisamente maggiore.

Gli ultimi dati della Commissione Difesa Vista, riportano un risultato a dir poco eclatante, ossia ben il 78% della popolazione italiana ha difetti visivi e nella maggior parte dei casi non si sottopone a controlli adeguati; la visita presso lo specialista o il ‘check up’ della vista lo si effettua solo quando si presentano i primi sintomi che fanno pensare che qualcosa non va.

Cattiva abitudine, dicono gli oculisti, perché è probabile che a quel punto il danno è già fatto.

E’ importante affrontare il problema prima, con la prevenzione per evitare che la salute degli occhi degeneri in patologie serie ed invalidanti, considerando che la vista rappresenta più dell’80% delle nostre percezioni.

Secondo gli esperti quello dell’aderenza alla terapia è un problema molto diffuso tra i pazienti affetti da glaucoma e in generale tra tutti gli anziani. Infatti l‘ Oms, riporta che i ‘non aderenti’ superano il 70% fra gli anziani, che spesso sono colpiti da diverse malattie e affrontano maggiori difficoltà a seguire le indicazioni del medico.  Tutto ciò è in parte dovuto, anche se non giustificato, dal fatto che l’11% degli anziani (circa 1 milione e 500mila persone in Italia) assume 10 o più farmaci ogni giorno“.

Il glaucoma è una patologia che necessità di cure e controlli costanti e purtroppo il problema dell’aderenza alla terapia nei pazienti con glaucoma è estremamente attuale; si consideri che il numero di pubblicazioni annuali su questo argomento è triplicato nel giro di pochi anni.

Circa il 45% dei pazienti con glaucoma non segue correttamente la terapia ipotonizzante, e il dato ancor più allarmante è che assume meno del 75% della dose prevista.  Un recente studio pubblicato sulla rivista ‘American Journal of Ophthalmology’ ha evidenziato che a 4 anni dall’ inizio della terapia ipotonizzante ben il 48% dei pazienti assume soltanto un terzo del dosaggio prescritto; questo significa che somministra il collirio solo una volta su tre.

 

Non assumere secondo prescrizione le gocce ipotonizzanti non è un problema da sottovalutare né da parte dell’oculista né da parte del paziente glaucomatoso.

Non è difficile arrivare alla conclusione che la principale conseguenza di questa scarsa aderenza è, purtroppo, una progressione molto più rapida della malattia e del danno sostanzialmente irreversibile a livello del nervo ottico e quindi alla cecità.

 

I motivi della scarsa aderenza vanno ricercati in diversi fattori. In primis di natura psicologica.  La terapia anti-glaucomatosa non è risolutiva o migliorativa della situazione ma ha lo scopo conservativo e di rallentare l’evolversi della patologia e quindi molto spesso il paziente non riesce ad avvertire i benefici della cura.

Le terapie ipotonizzanti, a volte, possono causare fasti o effetti collaterali come bruciore agli occhi, sensazione di corpo estraneo o annebbiamento che sconforta il paziente nell’utilizzare il collirio costantemente.

L’ aumento della pressione intraoculare rimane a tutt’ oggi è il più importante e ben documentato fattore di rischio associato all’ insorgenza e alla progressione del glaucoma, tuttavia le più recenti ricerche hanno evidenziato una origine neuronale della malattia, con la degenerazione delle cellule gangliolari della retina.

Diventa quindi importante affiancare alla tradizionale terapia, l’utilizzo di gocce oculari a base di MSM ed EDTA che svolgendo una azione chelante e antiossidante anche nei tessuti più interni dell’occhio, sono in grado di rallentare la neurodegenerazione e quindi la perdita di cellule ganglionari che è poi la causa della progressiva perdita della vista. ( Liu P1, et al. Metal chelator combined with permeability enhancer ameliorates oxidative stress-associated neurodegeneration in rat eyes with elevated intraocular pressure.  Free Radic Biol Med. 2014 Apr; 69:289-99.)

 

Non c'è ancora nessun commento
Scrivi un Commento
Name
E-mail
Website

SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI DI 3 O PIÙ CONFEZIONI